Logo IFAC disegnato da Carlo Bacci Daniele Andreuccetti Bandiera della pace

Consiglio Nazionale delle Ricerche
Istituto di Fisica Applicata "Nello Carrara"
Responsabile scientifico della linea di ricerca Metodi fisici per la valutazione dell'esposizione umana ai campi elettromagnetici
Gestore del modulo CNR Sicurezza e Compatibilità elettromagnetica (aperto il 01-01-2007, chiuso il 31-12-2013)
Gestore del modulo CNR Metodi fisici per la valutazione dell'esposizione umana ai campi elettromagnetici (aperto il 01-01-2014)

Pagina personale su People CNR
Pagina personale su Scopus
Pagina personale su WoS Researcher
Pagina personale su ORCID
Pagina personale su Google Scholar
Pagina personale su Research Gate
Pagina personale su ISNI
Pagina pubblicazioni personali su PubMed

Foto Daniele Andreuccetti Telefono: 055-522.6444
Fax: 055-522.6459
E-mail: D.Andreuccetti@ifac.cnr.it

Sono nato nel 1954, ho conseguito la Maturità Scientifica nel 1973 e la Laurea in Fisica nel 1978.
Mi sono sposato con Elisabetta nel 1980 ed ora abbiamo due figli: Michele, nato nel 1984 e Costanza, nata nel 1988.

Dal 1979 al 1985, come dipendente di aziende private operanti nel settore dell'elettronica biomedicale, mi sono occupato di sviluppo di elettrostimolatori cardiaci (pacemakers) e di progettazione elettronica di apparati elettromedicali (elettrocardiografi, monitor elettrocardiografici, poligrafi, centraline di monitoraggio).

Dal 1985 sono ricercatore CNR ed opero all'IFAC (ex IROE) nella sezione che si occupa di Elettromagnetismo applicato; dal gennaio 1994 sono responsabile scientifico della linea di ricerca sulla Protezione dai campi elettromagnetici a bassa frequenza, radiofrequenza e microonde, ribattezzata nel maggio 2013 Metodi fisici per la valutazione dell'esposizione umana ai campi elettromagnetici; dal gennaio 2007 sono gestore del modulo CNR INT.P01.006.001 / sicurezza e compatibilità elettromagnetica. Questo modulo è stato chiuso a fine 2013 e la sua attività si è spostata nel modulo CNR ICT.P10.016.002 / Metodi fisici per la valutazione dell'esposizione umana ai campi elettromagnetici, di cui sono rimasto gestore fino alla fine del 2015, quando il CNR ha soppresso commesse e moduli.

Poiché nella pagina base della linea di ricerca si possono trovare moltissime notizie sui settori in cui si articola la linea stessa, sulle attività più o meno recenti, sulla bibliografia e i prodotti che possono essere di interesse del pubblico, non aggiungo altro qui sull'argomento. Mi limito solo a segnalare che a questo indirizzo si trovano delle brevi schede informative sulle attività in corso, mentre chi è interessato a materiale di interesse più generale, di tipo didattico, divulgativo o informativo, può consultare la pagina base del materiale documentativo.

Ho dedicato e dedico parte del mio tempo allo sviluppo di servizi innovativi d'Area e d'Istituto basati sull'applicazione delle tecnologie informatiche e telematiche.
Dal 1993 al 1996, come Segretario della Commissione per l'attività sperimentale di biblioteca dell'Area della Ricerca CNR di Firenze ed in collaborazione con Alessandro Agostini dell'IFAC, ho curato l'ideazione ed avviato la realizzazione di una serie di servizi sperimentali inquadrabili in un prototipo di "Biblioteca elettronica", comprendente un completo sistema di catalogazione elettronica del patrimonio delle biblioteche CNR fiorentine.
Insieme ad Agostini, abbiamo anche sviluppato un complesso di servizi collegati alla gestione delle presenze dei dipendenti IFAC. Questi servizi, legati al concetto di Intranet di Istituto, si basano sull'utilizzo di un database MySQL consultabile attraverso pagine HTML, procedure PHP e JavaScript.
Per accedere ai servizi realizzati, consultabili in forma completa solo dai PC connessi alla rete IFAC, occorre partire dalla apposita pagina base.

Se può servire, a questo indirizzo si trova la rubrica WWW generale utilizzata dalla nostra sezione, mentre a quest'altro indirizzo si trova il materiale didattico che ho preparato per i miei interventi al corso Python3 svoltosi, a cura di Nicola Zoppetti, presso l'Area di Ricerca CNR di Firenze nel gennaio-febbraio 2013.

Torna all'inizio